Bugatti Veyron

1154763077.jpg

 

Bugatti Veyron: l’auto dei record!

La Bugatti Veyron 16.4 è una delle auto di serie più costose al mondo (1.100.000 euro tasse escluse per la versione “base”), ed è stata al lancio l’autovettura più veloce mai costruita, con una velocità massima di 407 km/h. Ha mantenuto il primato fino al 13 settembre 2007, quando la SSC Ultimate Aero TT ha stabilito il nuovo record di 411 km/h.

Viene costruita a mano nello stabilimento Bugatti di Molsheim in Francia, dove aveva sede l’azienda originaria fondata da Ettore Bugatti, e ha raggiunto la piena produzione nel settembre 2005 in serie limitata a 300 esemplari.

Prende il nome dal pilota Pierre Veyron, che vinse la 24 ore di Le Mans nel 1939 correndo con una Bugatti.

 320577897.jpg

Il progetto di questo veicolo iniziò nel 1999 con la concept car EB 18/3 “Chiron”. Mostrata al Tokyo Motor Show, era simile alla versione finale attualmente in produzione; una delle maggiori differenze era che la EB 18/3 usava un motore W18 con tre bancate di sei cilindri. La versione definitiva della Veyron è stata disegnata da Hartmut Warkuss, della Volkswagen, anziché Giorgetto Giugiaro che ne aveva curato i primi tre prototipi.

La Volkswagen, proprietaria del marchio Bugatti, annunciò la produzione della Veyron nel 2001 al Salone dell’automobile di Ginevra. Fu annunciato che sarebbe stata la più veloce, potente e costosa auto della storia: le dichiarazioni promettevano oltre 400 km/h di velocità massima, 1001 cv di potenza e un prezzo tondo di 1 milione di euro.

La progettazione continuò nel 2001 con la “concept avanzata” EB 16/4 Veyron, che sostituiva il motore W18 a 3 bancate della Chiron con uno W16 a 4 bancate, visto per la prima volta nel 1999 sulla concept car Bentley Hunaudières. Alla fine del 2001, Bugatti annunciò ufficialmente che l’auto si sarebbe chiamata Bugatti Veyron 16.4, con riferimento ai 16 cilindri e ai 4 turbocompressori, e che sarebbe stata in produzione nel 2003. Tuttavia i test rivelarono significativi problemi: la stabilità era troppo bassa per le alte velocità, tanto che un prototipo venne distrutto, mentre un altro andò fuori controllo durante una dimostrazione al Mazda Raceway di Laguna Seca (fortunatamente con poche conseguenze per il pilota). Addirittura durante un test in Germania una Veyron si incendiò a causa del surriscaldamento del motore, che è stato uno dei problemi maggiori da risolvere in fase di sviluppo, soprattutto a causa della particolare struttura a W del motore che ne rende difficile il raddreddamento. Dopo due anni di attese le noie meccaniche vennero risolte, e nel 2005, con due anni di ritardo, incominciarono le consegne.

1205744215.jpgLa Veyron monta un motore W16 di 7.993 cc di cilindrata (86 mm² di alesaggio x 86 mm di corsa), composto da 4 bancate di 4 cilindri ciascuna. Ogni cilindro ha 4 valvole, per un totale di 64, e 4 alberi a camme. Al motore sono innestati inoltre 4 quattro turbocompressori, grazie ai quali eroga 1001 cavalli di potenza massima dichiarata a 6.000 giri/minuto, con un rapporto potenza-peso di 529cv/t; la coppia massima è di 1.250 Nm a 2200 giri/minuto. Il progetto del W16 è in realtà derivato da quello del W8 montato sulla quinta serie della Volkswagen Passat, la cui cilindrata specifica (ossia la cilindrata di ciascun cilindro) corrisponde a quella del W16.

La potenza del motore viene trasmessa alle ruote attraverso un cambio di tipo DSG a innesti simultanei di 7 marce, attuato da paddles posti dietro al volante; il tempo di cambiata è di 150ms. La trazione è integrale permanente, con un giunto viscoso centrale prodotto dalla svedese Haldex. I pneumatici run-flat, prodotti da Michelin, sono progettati specificatamente per sopportare la velocità massima della Veyron, e hanno l’inusuale misura di 245/690 R20,47 all’anteriore e 335/710 R21,26 al posteriore.

La Veyron possiede in totale 10 radiatori:

3 per il sistema di raffreddamento del motore
1 scambiatore di calore per l’intercooler
2 per il sistema di aria condizionata
1 per l’olio della trasmissione
1 per l’olio del differenziale
1 per l’olio del motore
1 per il sistema idraulico dello spoiler

1133640552.gifIl coefficiente di resistenza aerodinamica (Cx) è di 0,36. Il telaio è composto da una cellula centrale in fibra di carbonio con dei telaietti ausiliari.

I dischi freno sono in materiale carboceramico, con pinze anteriori a 8 pistoncini e posteriori a 6 pistoncini.

Una curiosità relativa al motore è che si trova direttamente all’aria aperta, senza nessuna copertura in vetro, per massimizzare la dissipazione del calore.

Nella strumentazione della Veyron accanto al tachimetro è installato un misuratore di potenza, che indica i cavalli effettivamente erogati in ogni condizione di marcia.

La velocità massima promessa era di 406 km/h, ma i prototipi a quella velocità si rivelarono instabili: fu necessario ridisegnare il modello per migliorare l’aerodinamica. Nel maggio 2005 un prototipo testato nel circuito Vokswagen vicino Wolfsburg, Germania, raggiunse una velocità di 400 km/h, limitata elettronicamente. Nell’ottobre 2005 la versione finale della Veyron raggiunse i 407,52 km/h sul lunghissimo rettilineo (9 km) del circuito tedesco di Ehra-Lessien, di proprietà della Volkswagen.

1904521146.jpgLa Veyron passa da 0 a 100 km/h in 2,5 secondi producendo un’accelerazione media di 1,18 g: un valore record tra le vetture omologate, superiore anche alla più veloce SSC Ultimate Aero TT grazie alla trazione integrale. Raggiunge, sempre da ferma, i 200 e i 300 km/h rispettivamente in 7,3 e 16,7 secondi. Da notare che la Veyron partendo da ferma raggiunge le 200 miglia orarie in meno tempo di quanto ne impieghi la McLaren F1 partendo da 120 miglia: questo rende la Veyron l’auto stradale con la migliore accelerazione della storia. In una prova della rivista inglese Autocar la Veyron ha effettuato la prova sullo 0-100mph-0 (accelerazione 0-160km/h e di nuovo stop) in 9,9 secondi, un tempo da record. Anche i consumi sono da record per le auto di serie: infatti la Veyron registra 40,4 l/100 km (2,475 km/l) in città e 24,1 l/100 km (4,149 km/l) sul circuito misto. Alla massima velocità il consumo è di oltre 125 l/100 km (0,8 km/l): in questa condizione il serbatoio della Veyron (100 l) verrebbe svuotato in appena 12 minuti e mezzo (tempo nel quale sarebbe in grado di percorrere oltre 80 km).

Raggiunti i 220 km/h l’assetto della Veyron cambia: l’auto si abbassa di mentre lo spoiler posteriore si alza per aumentare la tenuta di strada. Nella configurazione standard l’auto è capace di una velocità massima di 375 km/h. Per raggiungere la velocità massima di 407 km/h, si deve inserire a vettura ferma una seconda chiave in una fessura alla sinistra del guidatore, vicino alla chiusura dello sportello: tramite questo comando lo spoiler posteriore riduce al minimo l’angolo di incidenza, le prese d’aria anteriori si chiudono, e l’auto si abbassa di 6 cm limitando così al minimo l’impatto aerodinamico, ma anche il carico aerodinamico, il che incide negativamente sulla stabilità.

1553119248.jpg

 

I dati sulla decelerazione sono da primato. I freni carboceramici, insieme ai pneumatici particolarmente performanti, permettono di raggiungere una decelerazione di 1,3 g. Inoltre, quando i freni vengono azionati a velocità superiori ai 200 km/h, lo spoiler posteriore aumenta l’angolo di incidenza fino a un massino di 55 gradi in 0,4 secondi, agendo da freno aerodinamico (una soluzione simile a quella della Mclaren Mercedes SLR). Grazie alla somma di questi elementi, la Bugatti ha dichiarato che la Veyron può fermarsi dalla velocità massima in meno di dieci secondi, nonostante la massa vicina alle 2 tonnellate.

212564982.jpg

Bugatti Veyronultima modifica: 2008-10-15T22:00:00+02:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento