Tuning – Finalmente legale!

14.jpgSpoiler, minigonne, alettoni, ma non solo. Anche dischi frenanti non di serie e le più disparate componenti meccaniche. Basta che siano sicure. Per modificare il proprio veicolo, prima bisognava avere il nulla osta della casa costruttrice, ora non più.
Le modifiche tecniche ed estetiche sono liberalizzate. Per mettere mano alla propria auto bisognerà superare una nuova procedura di approvazione che fa capo al ministero dei Trasporti. La misura – contenuta nel decreto milleproroghe e ora divenuta legge – si basa sull’esempio di altri Paesi, dove è possibile apportare modifiche a fronte della certificazione di un ente terzo (in Germania, per esempio, è il Tuv).

senzanomexx6.png

Prima faceva testo l’articolo 78 del Codice della Strada. Stabiliva che l’elaborazione è subordinata al rilascio di un nulla osta da parte del costruttore “con visita e prova presso i competenti uffici della direzione generale della Motorizzazione Civile”.

vn_01703_S6301007.jpg

L’articolo 29, 3-bis, del milleproroghe, recita invece testualmente: “Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti stabilisce con propri decreti norme specifiche per l’approvazione nazionale dei sistemi, componenti ed entità tecniche, nonché le idonee procedure per la loro installazione quali elementi di sostituzione o di integrazione di parti dei veicoli, su tipi di autovetture e motocicli nuovi o in circolazione.

wiejski_tuning_106.jpg

I sistemi, componenti ed entità tecniche, per i quali siano stati emanati i suddetti decreti contenenti le norme specifiche per l’approvazione nazionale degli stessi, sono esentati dalla necessità di ottenere l’eventuale nulla osta della casa costruttrice del veicolo di cui all’articolo 236, secondo comma, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, salvo che sia diversamente disposto nei decreti medesimi”.

01.jpg

Questa liberalizzazione era già stata auspicata dall’Unione Europea che un anno fa, nel documento “Car21”, esprimeva l’esigenza di armonizzare le diverse leggi europee per rilanciare il mercato di componenti “personalizzati”, in odore di crisi.
E tuning o non tuning, in Italia e nel mondo è già boom del settore dei pezzi di ricambio, che si rivela del tutto anticiclico.

75_1.jpg

Negli Usa, Autozone, il leader del mercato, ha conseguito per il decimo trimestre consecutivo aumenti a due cifre degli utili e ha di recente aperto 20 nuovi punti vendita in patria e 8 in Messico.
Anche il Italia si registra un notevole aumento delle autoriparazioni negli ultimi mesi.

Tuning – Finalmente legale!ultima modifica: 2009-04-07T09:50:00+02:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Tuning – Finalmente legale!

  1. ciao,mi kiamo emanuele,possiedo una fiat bravo 1a serie completamente elaborata esteticamente,le misure(lunghezza,larghezza)non sono state modificate,sono un malato x il tuning,è da circa 8 anni ke lo pratico,sul libretto della mia auto,come su quelli alfa e lancia ci sta una scritta su cui dice ke fin dall’inizio è possibbile apportare delle modifike affinke rimangano intoccate le misure…..x questo vi kiedo!devo far omologare la mia creatura o cosa posso fare x evitare verbali fatti dai prepostri alla circolazione?aspetto vostre notizie al piu’ presto…….grazie ancora e w il tuning………

Lascia un commento