Mini Gpl: cade un tabù!

Mini_Ray_1_big.jpgCade l’ultimo tabù per il Gpl: anche la modaiola e snob Mini cede alla necessità di risparmiare e piazza in listino una versione a gas, ovviamente solo per il mercato italiano. Una vera “operazione convenienza” come recitano gli slogan dei supermarket perché grazie agli incentivi questa Mini con doppia alimentazione si porta a casa allo stesso prezzo (già ribassato) della Ray “normale”, ossia 14.400 euro.

Mini_Ray_4_big.jpg

D’altra parte, resistere al fenomeno del gas sarebbe stato un suicidio visto che in questo segmento di mercato un’auto nuova su 4 ha il Gpl…

Mini_Ray_2_big.jpg

Ecco quindi prestazioni mai viste sul piano dei consumi: la Mini Ray Gpl viaggia per 100 km con appena 4 euro (ossia 7,1 litri di Gpl) emettendo soltanto 115 gr/km di CO2, il 10% in meno rispetto all’alimentazione a benzina. Non solo: con questa nuova versione calano anche le emissioni inquinanti di monossido di carbonio (CO) di oltre il 30% e di idrocarburi (HC) del 20%.

mini6_big.jpg

E ovviamente non ci sono emissioni di particolato. Va detto poi che il doppio impianto di alimentazione benzina-GPL consente un’autonomia complessiva superiore ai 1.100 km grazie al serbatoio di 40 litri per la benzina (750 km circa nel ciclo misto) e a quello di 30 litri (24 effettivi) per il GPL (340 km).

mini8_big.jpg

Per il resto? “Il go-kart feeling – si affrettano a spiegare alla Bmw Italia, preoccupati di portare il discorso su temi più… ‘Mini’ – parte del Dna di questa macchina è assicurato grazie al medesimo pacchetto di soluzioni tecniche presenti su tutta la gamma. Il motore 1.4 16 valvole infatti sviluppa 75 Cv quando è alimentato a benzina e 71 quando è alimentato a GPL.

mini7_big.jpg

Le differenze che il cliente può percepire sono quindi minime. Tra queste le principali sono la presenza del serbatoio aggiuntivo per il GPL, la presa per il rifornimento GPL a fianco del bocchettone di rifornimento della benzina e, all’interno del vano motore, la presenza del rail nonché dei condotti del circuito GPL”.

mini5_big.jpg

Insomma la Mini è sempre la Mini, gas o no. In ogni caso anche i clienti di questa versione a gas possono beneficiare del piano di finanziamento ZEROZEROMINI 3+3 che consente di acquistare la MINI senza anticipo e senza maxi-rata a 2.700 Euro l’anno, comprensive di manutenzione e assicurazione incendio e furto per i primi tre anni (o 50.000 km per la manutenzione).

 

Mini_Ray_11_big.jpg
 
mini2_big.jpg

Mini Gpl: cade un tabù!ultima modifica: 2009-09-26T09:00:00+02:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento