Volkswagen Polo 1.2 TDI BlueMotion

vw-polo-bluemotion.jpg

Rinnovata profondamente pochi mesi fa, la Volkswagen Polo arriva in questi giorni con una variante a tre porte, dal piglio più sportivo. Ma l’asso nella manica, la Casa tedesca lo ha tenuto per il 2010, quando farà debuttare la sua utilitaria in versione “ecologica”: la BlueMotion, con l’inedito tre cilindri 1.2 common-rail da 75 cavalli, che dovrebbe consentire una percorrenza media di 30,3 chilometri con un litro di gasolio. Se i nostri strumenti confermeranno questi dati (faremo presto una prova su strada), per “macinare” 100 chilometri si spenderebbe poco più di quattro euro. Non particolarmente brillanti, invece, le prestazioni: da 0 a 100 km/h servono (sempre secondo la Casa) 13,6 secondi. 

nuova-volkswagen-polo-blue-motion.jpg

 

 

Oltre a “lavorare” sul motore (programma di gestione specifico, abbassamento del regime minimo), per ridurre consumi ed emissioni è stata affinata l’aerodinamica. Inoltre, sulla Volkswagen Polo BlueMotion ci sono l’indicatore della marcia consigliata, il sistema di recupero dell’energia in frenata e pneumatici con una minore resistenza al rotolamento. Fiore all’occhiello, il sistema Start/Stop, che spegne il motore al semaforo e nelle code: la vettura dev’essere ferma, e bisogna mettere in folle e togliere il piede dalla frizione (premendola di nuovo, il tre cilindri si riavvia).

posteriore-nuova-volkswagen-polo-blue-motion.jpg

Uguale a quello delle altre Polo, l’abitacolo della BlueMotion è accogliente e ben rifinito, con nuovi tessuti per le poltrone e il divanetto. La Polo BlueMotion ha di serie il volante e la cuffia del cambio in pelle, il regolatore di velocità, un ampio bracciolo anteriore e l’indicatore di pressione per le gomme. La luminosità non manca e lo spazio nemmeno: il soffitto alto consente anche a quattro adulti di viaggiare abbastanza comodi. Il “clima” semiautomatico (di serie) non fa impostare la temperatura “al grado” ma, una volta trovata la giusta regolazione, svolge diligentemente il suo lavoro.

Il piccolo tre cilindri vibra e si fa sentire parecchio, soprattutto in accelerazione e agli alti regimi. E non è certo un “mostro di potenza”. È pur vero, tuttavia, che da una piccola ed economa utilitaria non si pretende uno scatto da supercar. Della Polo BlueMotion si apprezzano (oltre all’economia di utilizzo) l’agilità e, almeno per chi ha un minimo di coscienza “verde”, la “pulizia” del motore: con appena 87 grammi per chilometro di anidride carbonica, è tra le auto meno inquinanti. Ottima la frenata, che si rivela sempre sicura. L’inizio della produzione è previsto per gennaio 2010, l’arrivo nelle concessionarie un mese dopo.

interni-nuova-volkswagen-polo-blue-motion.jpg

Cilindrata cm3 n.d.
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 55 (75)/4.200
Coppia max Nm/giri 180/n.d.
Emissione di CO2 grammi/km 87
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
Lunghezza/larghezza/altezza cm 397/168/146
Passo cm 247
Peso in ordine di marcia kg n.d.
Capacità bagagliaio litri 280/952
Pneumatici (di serie) 185/60 R15
Prezzo € 15.500 circa
Consumo medio 30,3 km/l
Emissioni CO2 87 grammi/km
Euro 5

Volkswagen Polo 1.2 TDI BlueMotionultima modifica: 2009-11-11T09:30:00+01:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento