Il traffico diventa un “lusso”, a Roma costa 1.350 euro l’anno

traffico.jpgChe il traffico abbia un costo lo hanno sempre capito tutti, anche se spesso si parla di “costi” in termini di tempo perso nonché di arrabbiature varie, ovvero le arrabbiature di quando ci si trova a dover “discutere” con il proprio “vicino di ingorgo” come capita talvolta in mezzo al traffico cittadino.

traffico 002.jpg

Tuttavia, come si legge nel Rapporto Cittalia 2009, il rimanere imbottigliati per ore ed ore in mezzo al traffico cittadino ha i suoi risvolti negativi anche sul portafogli degli automobilisti, tanto da arrivare a pesare per lo 0,2% del PIL, pari a ben 2,6 miliardi di euro, prendendo in considerazione i soldi persi in mezzo al traffico nelle 15 principali città italiane.

traffico 003.jpg

La parte del leone, in questa particolare graduatoria, la fa una delle città italiane più colpite dal problema del traffico, ovvero Roma. La Capitale fa registrare infatti un costo dovuto al traffico di ben 1.351 euro annuali per ogni automobilista, una cifra esorbitante che ingloba le spese per il carburante sprecato per rimanere fermi in coda, ma anche le spese dovute all’impatto ambientale.

traffico 005.jpg

A completare il podio si trovano poi due altre grandi città come Napoli e Genova, le quali, con rispettivi 905 e 881 euro all’anno sprecate, si piazzano al di sopra della media dell’intera nazione pari a circa 810 euro.

Al di là delle cifre, quello che emerge è un quadro di grande caos per chi, quotidianamente, si trova costretto ad usare l’auto per spostarsi da un capo all’altro della propria città, affrontando una “giungla” di auto incolonnate, cantieri con relative deviazioni e quant’altro, per non parlare del problema, anche questo non di poco conto, del parcheggio introvabile una volta arrivati alla meta.

traffico 001.jpg

 

Il traffico diventa un “lusso”, a Roma costa 1.350 euro l’annoultima modifica: 2009-12-12T18:42:31+01:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento