Lexus CT 200h

Lexus CT 200h 001.jpg

 

Lexus, figlia di Toyota, la prima Casa automobilistica al mondo a introdurre la tecnologia ibrida nella produzione di serie, ribadisce oggi la sua leadership tecnologica proponendo la prima e unica auto full hybrid del segmento delle compatte premium. Si tratta della CT 200h, presentata in anteprima mondiale al Salone di Ginevra di quest’anno e in vendita a partire dai primi mesi del 2011, un’inedita 5 porte che si contraddistingue per la drastica riduzione di emissioni di Nox e particolato, con valori inferiori addirittura del 90% rispetto a una vettura equipaggiata con un motore diesel equivalente.

Lexus CT 200h 002.jpg

Merito dell’abbinamento tra un classico motore a benzina di 1,8 litri di cilindrata e un propulsore elettrico, con la possibilità di scegliere quattro diversi programmi di guida: EV con il solo motore elettrico attivo, Eco e Normal per far funzionare in simbiosi i due motori privilegiando l’economia di esercizio oppure la brillantezza di marcia, mentre Sport massimizza le prestazioni, associando la notevole coppia garantita dalla propulsione elettrica con la potenza del motore a benzina, in questo caso arricchito dal sistema di distribuzione a fasatura variabile VVT-i.

Lexus CT 200h 003.jpg

L’alloggiamento delle batterie sotto il piano di carico ha consentito invece di abbassare il baricentro a favore della maneggevolezza e del piacere di guida, aspetti comunque garantiti dalle nuove sospensioni con avantreno a ruote indipendenti McPherson e retrotreno a doppio braccio oscillante.

Lexus CT 200h 004.jpg

Se l’innovativa estetica è stata concepita in prevalenza per contenere il coefficiente di penetrazione aerodinamica della carrozzeria, l’abitacolo sottolinea l’impronta hi-tech della vettura con l’adozione di una plancia asimmetrica in cui spiccano il display LCD da 8 pollici e il sistema Remote Touch, che raggruppa numerose funzioni di impostazione e gestione della vettura con l’obiettivo principale di non distogliere l’attenzione dalla guida.

Lexus CT 200h 005.jpg

La gamma Lexus si articola comunque su diverse proposte che spaziano dalla sport utility RX, disponibile anche in questo caso in versione ibrida nel caso della 450h, alla classica berlina media IS, offerta con un motore V6 a benzina di 2,5 litri e 208 Cv di potenza massima, oppure con un 4 cilindri turbodiesel di 2,2 litri e 177 Cv. Senza trascurare la coupé-cabriolet IS 250 C, equipaggiata con un tetto ripiegabile in metallo che si apre e chiude in soli 20 secondi e la berlina supersportiva IS-F, che sotto il cofano anteriore ospita un V8 di 5 litri e 423 Cv dalle prestazioni da record nel segmento delle berline sportive, sottolineate dalla velocità massima di 270 km/h e dal tempo di 4,8 secondi dichiarato nell’accelerazione da 0 a 100 km/h.

Lexus CT 200h 006.jpg

Completano l’offerta del marchio di lusso di Casa Toyota le ammiraglie, ovvero la GS 450h che, a fronte di una potenza complessiva tra motore a benzina ed elettrico pari a 345 Cv, consuma in media solo 7,9 litri ogni 100 km e promette emissioni di CO2 di 186 g/km, mentre la sorella maggiore LS 600h, anch’essa dotata della tecnologia ibrida, sviluppa una potenza totale di 445 Cv a fronte di consumi ed emissioni rispettivamente di 9,3 litri/100 km in media e 219 g/km di CO2.

Lexus CT 200h 007.jpg

Oltre che per l’eccellente equilibrio tra prestazioni e consumi, la lussuosa berlina del Sol levante si distingue per una dotazione elettronica allo stato dell’arte, che in tema di sicurezza annovera il sistema avanzato di rilevamento ostacoli, quello di monitoraggio del guidatore, di sterzata di emergenza e il dispositivo pre-crash posteriore.

Lexus CT 200h 008.jpg

Ultima, ma non certo in ordine di importanza, la LS460, che riprende l’estetica e la tecnica della versione ibrida ma propone un classico V8 a benzina di 4.608 cc ed è offerta anche in versione a trazione integrale con differenziale centrale Torsen a slittamento limitato, che in normali condizioni di marcia distribuisce il 40% della coppia sui pneumatici anteriori e il restante 60 per cento su quelli posteriori, pronto a modificare, automaticamente e in tempo reale, tale ripartizione per garantire la massima trazione sui fondi a bassa aderenza come quelli bagnati o addirittura innevati.

Lexus CT 200h 009.jpg

Fonte: il sole 24 ore

Lexus CT 200h 010.jpg
Lexus CT 200hultima modifica: 2010-06-14T16:00:00+02:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento