Invicta S1

Invicta-S1.jpg

 

Invicta S1 è stata definita due automobili in una, se si considerano le prestazioni da vera supercar e il confort da auto di lusso rappresentato da quest’auto dai tratti esclusivi.

Invicta-S1_02.jpg

Parliamo di un prodotto creato dalla genialità di un’antica fabbrica di automobili inglese che dopo un lunghissimo silenzio ha fatto il suo ingresso nell’Olimpo dei grandi marchi, accanto a TVR, Bentley e Aston Martin, senza assurgere al mortificante ruolo di Cenerentola, tutt’altro!

Invicta-S1_03.jpg

Parliamo di un’auto interamente costruita in fibra di carbonio assemblato con dei supporti di acciaio, ciò la rende leggera ed estremamente duttile ma sicura e, per rendersi conto della leggerezza di quest’auto, è bene sapere che il peso del solo telaio, dunque privo del motore e dell’abitacolo, è solo di 160 chilogrammi, mentre il peso complessivo della Invicta 1 è di appena 1.100 chili; eppure, il guscio protettivo che ne è scaturito, la rende un’auto molto sicura, grazie, soprattutto, alla caratteristica di assorbire gli urti, una caratteristica, quest’ultima, altamente peculiare in quest’auto.

Invicta-S1_04.jpg

Ottimo e molto potente il propulsore, un 4,6 litri a 8 cilindri con 32 valvole capace di sprigionare i suoi 320 cavalli di potenza. Un vero purosangue che però non “parla” inglese, ma americano, visto che deriva dallo stesso propulsore utilizzato dalla Cobra per Ford. Ottime anche le prestazioni, appena 5 secondi per volare da ferma a 100 orari e superare i 250 orari di velocità massima, con una progressività di tutto rispetto, aiutati anche dall’ottimo cambio a 5 marce manuale o a 4, automatico.

Invicta-S1_05.jpg

Negli interni si respira il rigoroso Old Style britannico, cuoio, legno, strumentazione analogica e quasi niente elettronica per quest’auto venduta con una sorta di slogan che recita più o meno così: ” un’auto adeguata non ha certo bisogno di troppi ritrovati elettronici”.

Invicta-S1_06.jpg

 

Invicta S1ultima modifica: 2011-04-06T09:30:00+02:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento