Mazda Kazamai

motori,auto,mazda,kazamai,mazda kazamai,concept car,velocita,prestazioni,

 

In occasione del Salone Internazionale dell’Automobile di Mosca 2008, Mazda ha presentato l’emozionante concept car Kazamai. Elegante, sportiva, aerodinamica, Mazda Kazamai rappresenta il perfetto equilibrio tra divertimento e prestazioni sportive nel pieno rispetto della sicurezza e dell’ambiente.

motori,auto,mazda,kazamai,mazda kazamai,concept car,velocita,prestazioni,

Kazamai che in giapponese significa “incrocio dei venti”, nasce da un’ulteriore evoluzione stilistica del linguaggio Mazda inaugurato con il prototipo Nagare, traendo ispirazione dal movimento del vento e fondendo forme fluenti con proporzioni aerodinamiche.

motori,auto,mazda,kazamai,mazda kazamai,concept car,velocita,prestazioni,

La sua massiccia griglia a 5 punti, gli archi passaruota anteriori particolarmente accentuati, e la fluida linea del tetto, il tutto combinato con pneumatici da 22″, gli regala un incredibile look emozionante, mentre l’assetto a quattro ruote motrici si avvarrà di un motore ad iniezione diretta di nuova generazione e una trasmissione totalmente nuova.

motori,auto,mazda,kazamai,mazda kazamai,concept car,velocita,prestazioni,

Il risultato è un crossover avveneristico con dimensioni compatte, creato per trasmettere incredibili sensazioni durante la guida, sobri consumi e per ridurre in maniera considerevole le emissioni di CO2.

motori,auto,mazda,kazamai,mazda kazamai,concept car,velocita,prestazioni,

Mazda Kazamai, realizzato dal Mazda Design Team, vincitore quest’anno del Grand Prix du Design di Parigi, indica chiaramente l’attuale direzione di Mazda su un possibile futuro nel segmento dei crossover compatti.

motori,auto,mazda,kazamai,mazda kazamai,concept car,velocita,prestazioni,

motori,auto,mazda,kazamai,mazda kazamai,concept car,velocita,prestazioni,

motori,auto,mazda,kazamai,mazda kazamai,concept car,velocita,prestazioni,

Mazda Kazamaiultima modifica: 2011-08-01T09:00:00+02:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento