Lancia Gamma

motori,auto,lancia,gamma,lancia gamma,ammiraglia,auto epoca,auto storica,auto classica,velocita,prestazioni,


 

La Lancia Gamma è un modello di automobile presentato dalla Lancia nel 1976 e prodotto fino al 1984, ricoprendone il ruolo di ammiraglia.

La tradizione Lancia nel settore delle vetture di gran classe (come recitava un suo famoso poster negli anni della Lambda) a metà anni sessanta incominciò ad entrare in discussione. La progettazione di nuovi modelli, con l’avvento del prof. Antonio Fessia alla direzione tecnica della casa di Chivasso, si era concentrata su modelli sì di classe (Appia terza serie e progetto Flavia/Fulvia) ma di cilindrata contenuta. I modelli Flaminia, ancora bellissimi, incominciavano a mostrare i primi segni dell’età e infatti la vendita di questi modelli dotati di motori poco parsimoniosi a 6 cilindri da 2,8 litri dopo il 1965 si appannò fortemente.

motori,auto,lancia,gamma,lancia gamma,ammiraglia,auto epoca,auto storica,auto classica,velocita,prestazioni,


Lancia riuscì a tenerli in listino fino al 1969 e cercò nel frattempo di rimediare alla lacuna aumentando progressivamente la cilindrata delle Flavia dagli iniziali litri 1,5 fino, a fine decennio, ai 2 litri. La Flavia indubbiamente ne guadagnò ma nel 72/73 arrivò, con il nuovo nome di 2000, anche al capolinea della sua evoluzione. Lancia dovette quindi pensare ad un nuovo progetto, moderno e di gran classe, tale da potersi reinserire di prepotenza nel novero delle grandi firme. La cilindrata di questo nuovo modello, inizialmente identificato dal codice di progetto Y2, non poteva che essere superiore ai 2 litri ed il progetto del suo propulsore partire da diverse piattaforme:

    Evoluzione del monumentale 6 cilindri a V della Flaminia di De Virgilio
    Evoluzione del collaudatissimo 4 cilindri boxer della Flavia
    Utilizzo dei propulsori della nuova proprietà Fiat e di origine Dino Ferrari (come fu fatto nel 1972 per la Stratos).

motori,auto,lancia,gamma,lancia gamma,ammiraglia,auto epoca,auto storica,auto classica,velocita,prestazioni,

Dopo almeno tre anni di congetture e proposte l’ufficio progetti optò per la tecnologia boxer, disegnando quindi un motore completamente nuovo a 4 cilindri con alberi a camme in testa tutto in pregiata lega d’alluminio e con soluzioni tecnologiche elevatissime e uniche. La cilindrata risultò di 2,5 litri e la leggerezza di questo motore fu eccezionale se confrontata con i pari cilindrata dell’epoca. Le caratteristiche ottenute furono inoltre una elevata coppia ai bassi regimi (un po’ a scapito della potenza massima), una buona erogazione di potenza e un motore ben bilanciato. Insomma un motore da destinare a grandi berline di rappresentanza o ad eleganti e comodi coupé di gran classe. Quest’incarico fu affidato alla mano della Pininfarina che disegnò sia la berlina che la coupé.

I due modelli furono infine presentati al 46° Salone dell’auto di Ginevra, nel giugno del 1976 (anche se la commercializzazione della coupé partì solo nel ’77). Le caratteristiche della berlina erano ancora una volta in controtendenza, come nella miglior tradizione di Casa Lancia, rispetto alla concorrenza.

motori,auto,lancia,gamma,lancia gamma,ammiraglia,auto epoca,auto storica,auto classica,velocita,prestazioni,

La “Gamma” offriva un elevato contenuto di tecnica progettuale, di avanzata impostazione (la carrozzeria fu studiata in collaborazione con Pininfarina), di signorilità nelle finiture e di comfort. La trazione anteriore (all’epoca non ancora così diffusa tra le grandi cilindrate, a parte Citroën), il disegno a 2 volumi, l’ottimo cx (circa di 0,3), l’eccezionale spaziosità fecero della “Gamma” berlina una potenziale regina della strada.

Meccanicamente, la vettura era dotata di un motore boxer di nuova progettazione, non derivato dai precedenti motori Lancia, disponibile in due diverse cilindrate, di 1999 e 2484 cc che sviluppavano una potenza, rispettivamente, di 120 e 140 CV e con velocità massima di 183 km/h per la versione 2 litri e 195 km/h per la versione 2.5. I modelli 2 litri furono affiancati a quelli di 2,5 litri solo per il mercato italiano, allo scopo di aggirare l’IVA al 38% imposta sui veicoli di oltre 2000cc. Della Gamma berlina prima serie, costruita dal 1976 al 1980, furono prodotti 4.553 esemplari con motore 2 litri e 5.942 esemplari con motore 2.5 litri.

motori,auto,lancia,gamma,lancia gamma,ammiraglia,auto epoca,auto storica,auto classica,velocita,prestazioni,

A quattro anni dalla presentazione, nel 1980, l’ammiraglia Lancia fu oggetto di un indovinato restyling (seconda serie) ed al modello furono apportate una serie di migliorie. La novità più interessante era costituita dal modello con motore 2,5 litri equipaggiato con l’iniezione elettronica Bosch “L-Jetronic”, mentre le versioni 2.0 e 2.5 a carburatore (quest’ultima riservata all’esportazione) restarono invariate. Le modifiche apportate al corpo vettura, comuni a tutta la linea Gamma, comprendevano una nuova calandra, una presa d’aria sotto il paraurti anteriore e pneumatici ribassati. All’interno, invece, fu rivista la plancia, fu rinnovato il pomello della leva del cambio, i sedili furono ridisegnati e furono aggiunti l’orologio digitale, la luce di cortesia temporizzata e una luce di lettura orientabile. La produzione della “Gamma” berlina seconda serie ammonta a 2.465 esemplari con motore 2.0 a carburatore, 600 esemplari con motore 2.5 litri a carburatore (destinati all’esportazione) e 1.712 esemplari con motore 2.5 i.e. Il totale complessivo di produzione della Lancia Gamma berlina (prima e seconda serie) è quindi di 15.272 esemplari. La Gamma restò in produzione fino al 1984, quando fu sostituita dalla Thema. Nello stesso anno era apparso un prototipo di berlina a tre volumi basato proprio sulla Gamma berlina, di cui manteneva il terzo finestrino laterale, ma con una coda dall’aria assai più convenzionale. La meccanica della Gamma fu utilizzata per un esperimento Italdesign chiamato Megagamma, con carrozzeria monovolume.

motori,auto,lancia,gamma,lancia gamma,ammiraglia,auto epoca,auto storica,auto classica,velocita,prestazioni,

La nomea delle Gamma non è delle migliori. Qualcosa in effetti non ha funzionato e molti sono stati i difetti meccanici che hanno, soprattutto nel primo anno di vita dei modelli, subito offuscato la sua immagine, dipingendola presso il pubblico automobilistico come vettura non affidabile. Sicuramente alle grandi idee progettuali non fu affiancato un collaudo precommercializzazione altrettanto valido. Purtroppo anche i correttivi tecnici non furono né veloci né sufficienti: solo con le seconde serie i modelli raggiunsero una affidabilità più che buona ma ormai l’immagine del modello era stata danneggiata. La Fiat, oramai pienamente padrona anche della progettazione Lancia, decise l’abbandono del modello e della sua tecnologia. Questo fece della Gamma l’ultimo progetto Lancia.

Lancia Gammaultima modifica: 2011-12-04T09:00:00+01:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento